fbpx

In viaggio a Lisbona: le meraviglie di Sintra

Condividi sui social!

Una cittadina come Sintra meriterebbe molto più che una semplice gita in giornata. Molte guide turistiche consigliano almeno due giornate piene, ma per noi fotografi penso non basterebbe una settimana, e non esagero! Ci sono talmente tanti posti ricchi di storia da vedere e fotografare che non si finirebbe mai!

Viaggio a Lisbona - Pozzo iniziatico della Massoneria
Viaggio a Lisbona – Pozzo iniziatico della Massoneria

Come si arriva a Sintra?

Durante i giorni della pianificazione del mio viaggio a Lisbona di cui ho scritto in un precedente articolo, trovavo varie informazioni in giro per la rete che suggerivano gite in giornata. Avevo già messo in conto una visita a Cascais e avevo a disposizione altri due giorni da godermi fuori Lisbona. Fu così che tra le più quotate trovai Sintra, e fu amore a prima vista!

Negli ultimi decenni l’ex residenza estiva dei sovrani portoghesi ha acquisito maggiore notorietà attirando persone da tutto il Paese per l’ottima qualità di vita e servizi. Oggi la cittadina conta quasi 400.000 persone ed è diventata anche tra le zone più ricche e costose del Portogallo. Di conseguenza, il mercato immobiliare fiorente ha spinto molte persone straniere a trasferirsi e vivere qui.

Viaggio a Lisbona - Stazione di Oriente
Viaggio a Lisbona – Stazione di Oriente

Raggiungere Sintra da Lisbona è semplicissimo. Ovunque voi alloggiate durante la vostra permanenza a Lisbona, la metropolitana vi verrà sempre in aiuto:

  • Se arrivate dall’aeroporto, prendete la linea rossa fino ad Oriente, e da lì partirà il treno. Comodo per chi ancora ha le valigie con sé e pernotta direttamente a Sintra. Il viaggio dura circa 50 minuti e sono previste partenze praticamente ogni ora.
  • Per chi si trova già a Lisbona, basta prendere la metro linea verde e scendere a Rossio. Oppure se vi viene più comodo rispetto al vostro albergo prendete la linea azzurra e scendete a Restauradores. Da qui il treno impiega all’incirca 40 minuti e onestamente penso sia anche più frequente che dalla stazione Oriente, perché più centrale e utilizzato dai pendolari.

Attenzione! In entrambi i casi, una volta usciti dalla metro bisogna proseguire a piedi fino alla stazione dei treni di Rossio.

Viaggio a Lisbona - Stazione dei treni di Rossio
Viaggio a Lisbona – Stazione dei treni di Rossio

Una volta arrivati in stazione potete scegliere se acquistare i biglietti di andata e ritorno per la modica cifra di 4,50€ totale. Altrimenti potete fare come me, acquistare la Lisboa Card e averlo incluso nel prezzo. Ci sono altre combinazioni e metodi per comprare i biglietti, ma personalmente credo che questi siano i più semplici ed economici.

Il Bus 434

[ torna al menu ]

Arrivati a Sintra, il meteo ci è sempre favorevole. Fortunatamente splende il sole e ci sono temperature primaverili, perché Sintra è in collina e la maggior parte delle attrazioni sono all’aperto e con pioggia o vento sarebbe stato più difficile visitarla.

Se fino ad ora ho preferito visitare Lisbona e dintorni a piedi, senza molto utilizzare i mezzi pubblici, a Sintra è qualcosa di cui, a mio modesto parere, non si può fare a meno.

Viaggio a Lisbona – La Valle di Sintra

Il motivo è semplice: ci sono moltissimi luoghi da visitare e le distanze sono notevoli tra di loro. Le strade sono abbastanza strette e un continuo sali e scendi senza molti marciapiedi.

In tutti i siti da cui ho attinto informazioni sconsigliano l’utilizzo dell’auto privata a Sintra. E’ già difficile trovare parcheggio per i residenti, e i pochi disponibili a pagamento sono molto lontani dalle attrazioni turistiche.

Quindi, l’unica cosa saggia che ci restava da fare era prendere un autobus, ma non uno qualsiasi. Svoltando subito a destra uscendo dalla stazione si trovava il nostro salvatore: il bus turistico 434.

Questo è il percorso del bus 434 detto anche “circuito da Pena“:

A – Stazione di Sintra
B – Palácio Nacional de Sintra o Centro Storico
C – Castelo dos Mouros
D – Palácio da Pena
E – Ritorno in stazione

Il bus 434 è operato dalla Scotturb, costa 11€ a persona (davvero tanto, lo so!) ma ci vale tutto, e durante il tragitto ve ne accorgerete. Il biglietto si acquista direttamente dal conducente e permette di percorrere il ring soltanto una volta.

Booking.com

D’estate ci sono molto più corse, anche una ogni quarto d’ora. Negli altri periodi le corse si riducono ad una ogni ora, ma se andate la mattina presto non dovreste incontrare molta folla. Il giro parte dalla stazione ferroviaria, si addentra nel centro storico e percorre in cerchio alcune delle attrazioni che offre la cittadina.

Noi, naturalmente, col tempo limitato che avevamo a disposizione e soprattutto le ore di luce che mi permettevano di scattare fotografie decenti, decidemmo di visitarne tre.

Palazzo da Pena

[ torna al menu ]

Un po’ di storia.
Insieme con tutto il centro storico di Sintra, nel 1995 Palazzo da Pena è stato inserito come Patrimonio dell’Umanità nella lista Unesco. Nel XVIII secolo andò incontro alla distruzione a opera dell’ormai famoso terremoto di Lisbona del 1755. L’attuale costruzione, venne realizzata dopo il 1840 a opera del barone tedesco Von Eschwege e l’architetto Julius Eugen Ruhl.

Sebbene non fosse la prima fermata dell’autobus, ho preferito scendere prima a Palazzo da Pena per un duplice motivo. La maggiore concentrazione di persone in questo palazzo è durante l’ora di pranzo, quindi per evitare l’ora di punta la mattina è una scelta consigliata.
Inoltre, la nostra seconda visita, il Castelo dos Mouros, si trovava sulla stessa strada a soli 350m in basso, e abbiamo deciso di percorrerli a piedi partendo proprio da Pena.

Viaggio a Lisbona - Palácio da Pena
Viaggio a Lisbona – Palácio da Pena

Una particolarità che ho riscontrato in tutta Lisbona e dintorni riguarda l’orario di inizio attività di molti centri culturali e negozi. Difficilmente li troverete aperti prima delle 10 di mattina, così come il Palazzo da Pena.

Arrivati a Sintra poco dopo le 9 del mattino, abbiamo dovuto aspettare un po’ in fila per fare i biglietti. I primi ad arrivare furono un gruppo organizzato di italiani che ci precedette di poco col bus precedente.

In biglietteria avete una doppia opzione: la scelta tra biglietto semplice con solo la visita al parco, o inserire anche la visita al palazzo. Non ricordo il costo del biglietto solo parco, ma noi tramite la Lisboa Card scegliemmo di visitarli entrambi con un piccolo sconto del 20% spendendo 14€ a testa.

Viaggio a Lisbona - Deviazioni al parco da Pena
Viaggio a Lisbona – Deviazioni al parco da Pena

Già solo varcando il cancello della biglietteria capimmo subito come si sarebbe svolta la giornata. La prima salita oltre il 10% ci si parava davanti e ci divideva dal palazzo!

Tutto intorno il parco era molto fresco e umido e un timido sole riusciva a penetrare a malapena i fitti rami degli alberi. Sebbene fosse autunno c’era davvero tanta gente e per pochi secondi immaginai le folle estive che si riversano in questi posti e ringraziai il cielo di esserci andato fuori stagione!

Booking.com

Alla vista dei colori pazzeschi del palazzo, tutte le stanchezze della salita erano sparite di colpo. Avevo già visto altri castelli e palazzi in giro per l’Europa, ma devo ammettere che sotto il sole i colori sgargianti del palazzo da Pena ti infondono una certa sensazione di calma e serenità.

Viaggio a Lisbona – Il cortile interno del Palazzo da Pena

Diversi stili si fusero insieme durante l’ultima restaurazione, dal neogotico al manuelino, passando per il neoarabo!

Gli interni riflettono per lo più lo stile manuelino e sono un viaggio indietro nel tempo. Ogni stanza è arredata nei minimi dettagli con oggetti decorativi di lusso e mobili antichi. In molte stanze i tetti sono fregiati con archi ad ogiva e dalle diverse finestre si gode di viste mozzafiato sul panorama circostante.

Tutto intorno a noi era ricco di guglie, fregi e ghirigori, e naturalmente le immancabili azulejos.
Le ampie terrazze erano collegate tra loro da piccoli cunicoli all’aperto che giravano intorno al palazzo, pieno di selfisti in ogni dove. La cinta muraria racchiudeva al suo interno il corpo dell’antico convento e il Pátio dos Arcos.

Da ogni terrazza il panorama era mozzafiato e si perdeva a vista d’occhio sulle colline verdeggianti. Da una parte si scorgeva il Castelo dos Murous, da un’altra l’oceano e il Palácio Nacional.

Castelo dos Mouros

[ torna al menu ]

Persi nella contemplazione del luogo si era già fatta ora di andare ad esplorare la seconda attrazione della giornata: il Castelo dos Mouros.
Ci rammaricava molto non essere riusciti a fare un giro decente tutto intorno al parco da Pena, perché meritava davvero. Un motivo in più per tornare a visitarlo in futuro!

Come accennavo prima, il Castelo dos Mouros è distante poche centinaia di metri in basso rispetto al palazzo da Pena e percorrere tale distanza a piedi non è un problema.

Viaggio a Lisbona - Castelo dos Mouros
Viaggio a Lisbona – Castelo dos Mouros

Non so se fosse per il fatto che eravamo in autunno, ma fuori dal primo cancello d’entrata al castello non c’era nessun bigliettaio e si faceva tutto tramite biglietteria automatica.

Booking.com

Non c’era tanta gente ma ricordo che abbiamo avuto qualche difficoltà con la macchinetta dei biglietti che non accettava contanti ma solo carte. Quindi attenzione, andateci preparati. Il prezzo d’entrata è di circa 8-10€ per gli adulti, in base al fatto che usufruiate di sconti o meno.

La visita al castello moresco è stata molto impegnativa perché si segue il percorso della lunga cinta muraria ed è un continuo sali e scendi tra le varie torrette di avvistamento, tutte in perfette condizioni dopo i vari ammodernamenti e parziali ricostruzioni eseguite fino ai primi del 2000.

In giro per la cinta muraria si trovano 10 bandiere sventolanti sopra le merlature. Rappresentano i vari periodi di dominazione e conquista del castello che hanno portato forma e colore all’attuale bandiera portoghese.

Anche questo castello dal 1995 gode dei privilegi dell’UNESCO, inserito nella lista patrimonio dell’umanità.

Curiosità
Vicino all’entrata vera e propria del castello, una volta superata la Casa di Guardia, a destra del grande piazzale si trova un’antica Cisterna.

Era un serbatoio costruito con blocchi di granito che serviva da riserva d’acqua per una costruzione adiacente. Si accede all’interno attraverso una porta ad arco, un tempo in buone condizioni.

Una leggenda narra che siccome non si ha memoria che l’acqua al suo interno si sia mai prosciugata, si pensa che al di sotto di essa sia sepolto un re moresco.

Visitata anche la zona della cisterna il nostro tempo al castello giungeva al termine. Prendendo il bus 434 facemmo ritorno verso il paese dove con la scusa di un pranzo al sacco, leggero e veloce, approfittammo di un giro in centro storico.

Viaggio a Lisbona – Pelourinho de Sintra

Anche Sintra come Cascais mi è sembrata una cittadina vivace, pulita e ricca di colori. Le strade non erano affollate ma comunque piene di turisti che si dirigevano verso una delle mete più caratteristiche del luogo.

Quinta da Regaleira

[ torna al menu ]

Si tratta di una villa per lo più in stile romantico degli inizi ‘900 del milionario António Augusto Carvalho Monteiro. La maggiore attrazione è l’immenso giardino a opera dell’architetto italiano Luigi Manini, che naturalmente si sviluppa in salita! In questo immenso giardino si celano misteriosi simbolismi esoterici, oscuri passaggi segreti e perfino un pozzo iniziatico di natura massonica!

Quando parlo di oscuri passaggi, intendo proprio quello, non si vede niente! Non dimenticate di caricare bene i cellulari o portarvi dietro una torcia, perché sebbene non vi siano particolari pericoli, è sempre bene vedere dove mettere i piedi!

Viaggio a Lisbona – Quinta da Regaleira

Secondo me e mia moglie, l’attrazione più affascinante e per un certo verso divertente tra quelle viste a Sintra. Ma naturalmente è una questione di gusti. A noi è piaciuto molto l’alone di mistero che avvolgeva non solo la struttura in sé, che appare austera come il castello della Bella e la Bestia della Disney, ma soprattutto i percorsi intricati del giardino.

Mappa alla mano era come una caccia al tesoro! Mossi dalla curiosità cercavamo ogni piccola struttura, fontana, sentiero, che ai nostri occhi apparivano come qualcosa di unico. Era bella anche la complicità che era nata con gli altri visitatori. Con un gruppo di ragazzi tedeschi è capitato più di una volta di incontrarci nei viali e scambiarci informazioni su come raggiungere i vari luoghi all’interno della villa.

Viaggio a Lisbona - Il pozzo iniziatico visto dall'alto
Viaggio a Lisbona – Il pozzo iniziatico visto dall’alto

Come ci aspettavamo, il pezzo forte della villa era il Pozzo Iniziatico. Solitamente per esperienza diffido dalle attrazioni a cui si dedica troppa attenzione marketing perché li reputo sopravvalutati. Ma ogni tanto è bello sbagliarsi!

Booking.com

C’era già una bella fila per accedere al pozzo, visto che per questioni di sicurezza si può accedere solo poche persone alla volta. E credetemi, il tempo della discesa dei 27 metri che vi portano dentro la roccia iniziatica volano in un attimo mentre scendete con la bocca aperta circondati dai tanti dettagli architettonici. E’ stata creata un’opera grandiosa ricca di colonne e nicchie intarsiate nella roccia, così come le decine di gradini ben levigati ed intarsiati.

Viaggio a Lisbona - La grotta del Pozzo Iniziatico
Viaggio a Lisbona – La grotta del Pozzo Iniziatico

A causa della pochissima luce che filtrava nel pozzo, sarebbe stato utile un treppiedi per le esposizioni lunghe, ma non era assolutamente possibile utilizzarlo per motivi pratici. Con le persone che attendevano dietro di me non è stato assolutamente facile portare tanti scatti a casa. Ma posso comunque ritenermi soddisfatto!

Continuando la discesa del pozzo ci si ritrovava dentro una lunga grotta di natura calcarea che raffigura il percorso iniziatico del novizio che giunge a nuova vita, come una rinascita.
Solo in tempi recenti la grotta è stata fornita di una lunga striscia led che facilita i visitatori verso l’uscita, ma immagino che ai tempi delle iniziazioni si procedesse con le semplici torce o forse proprio al buio..

Viaggio a Lisbona - Attrazioni all'interno della villa
Viaggio a Lisbona – Attrazioni all’interno della villa

Sono davvero tante le attrazioni all’interno della villa. Quella che vedete sopra è una breve lista di ciò che sono riuscito a fotografare e vedere prima che facesse buio. Ci sarebbe stato bisogno di molto altro tempo per fare le cose con più calma, ma va bene così, è stato un pomeriggio indimenticabile!

Seguitemi nel prossimo articolo, vi porterò a Bèlem e scopriremo insieme il suo fascino marino: L’incantevole Bèlem durante il mio viaggio a Lisbona


Condividi sui social!
Back to top