Top treppiedi fotografici

Condividi sui social!

Top treppiedi fotografici – Ciao a tutti ! oggi parleremo di treppiedi sia per il reparto foto che video.

Per tutti coloro che vogliono iniziare senza spendere tanto ecco una breve selezione di quello che ho trovato sul web.
Il cavalletto o treppiedi è quello strumento fondamentale per ogni fotografo e videomaker che sta iniziando il suo percorso nel mondo delle arti visive.

In questo breve articolo cercherò di analizzare i migliori treppiedi che ci sono in circolazione.

Sono ottimi sia per iniziare che per tutti quelli che invece volevano comprare qualcosa di più avanzato, un po’ più serio per continuare il proprio percorso lavorativo.

Andoer Alluminio 153cm

Il primo cavalletto che vi consiglio è un Andoer, quello che più mi piace, più versatile e disponibile in due versioni di diverso materiale e prezzo.

Questo è il cavalletto ideale per chi vuole viaggiare e per tutti quelli che vogliono spendere poco perché la versione in alluminio costa meno di 80 euro.

www.emanuelecarlisi.it - Top treppiedi fotografici -  Andoer

Ne esiste anche una versione in magnesio che costa qualche euro in più.

La cosa che mi ha convinto di più è la praticità con cui si allungano le gambe.

Non sono molto spesse e l’ultima gamba è davvero sottile. Possiede un sistema a vite dove basta ruotare come un rubinetto la ghiera per aprirla o chiuderla.

A vederlo sembrerebbe davvero un sistema veloce e allo stesso tempo pratico.

In una delle gambe, a circa 6cm dall’alto c’è un bordino colorato che individua una particolarità di questo treppiede: ovvero, si svita la gamba e la trasforma in un monopiede. Geniale!

Il piede ottenuto lo potete unire alla base del vostro cavalletto in un alloggio a vite appositamente lasciato cavo per innestare il sistema.

Anche la parte superiore si svita del tutto lasciando quindi che il treppiede si trasformi in monopiede.

I monopiedi sono versatili in fotografia sportiva, quando dobbiamo inseguire un’atleta o una moto in corsa e abbiamo bisogno di un appoggio stabile che sia però capace di girare.

Stessa utilità per i vostri video, vi permetterà di avere stabilità e non farà gravare tutto sulle vostre mani e spalle. Davvero molto utile e innovativo!

Una volta ricomposto il cavalletto, noterete che le gambe hanno più di una posizione angolare, arrivando anche a 180°. Davvero utile per chi come me ogni tanto si sdraia in terra per avere una prospettiva particolare della scena inquadrata.

L’unica pecca che lo pone un po’ più in basso nella graduatoria di qualità, è la marcata oscillazione delle gambe una volta allungate del tutto.

Con una fotocamera professionale che in alcuni casi supera abbondantemente i 2kg potrebbe avere forti oscillazioni e perdere quindi la loro funzione stabilizzatrice.

A parte questa poca solidità, per iniziare va più che bene e lo consiglio anche per chi come me ha un secondo corpo macchina un po’ più leggero e lo riesce a sfruttare.

Inoltre è possibile aggiungere insieme nella confezione anche una seconda testa a sfera che sebbene non sia adatta ai video e all’apparenza può sembrare poco solida, invece vi stupirà da quanto bene sia fatta. Non male!

Il prezzo non è niente male, vi consiglio di spendere qualcosina in più per la versione in magnesio perché é più affidabile.

Manfrotto X-Prob

Passiamo adesso ad un cavalletto della Manfrotto modello X-Prob.

www.emanuelecarlisi.it - Top treppiedi fotografici - Manfrotto X-Prob

Anche questo è leggero abbastanza da portarlo in viaggio ma a differenza del treppiedi presentato prima che si estendeva tramite viti, questo qui ha le clip.

A me non fanno impazzire perché si allentano e ogni tanto bisogna armarsi di pazienza e stringere tutte le giunture.

La cosa più interessante di questo treppiedi è la colonna centrale che si può piegare a 90° e spostare a destra o a sinistra.

Comodo per fare degli shooting particolari o piuttosto quando dovete riprendere qualcosa dall’alto. Ecco, questa particolarità è interessante.

Da abbinare a questo strumento vi suggerisco anche una testa fluida, sempre della Manfrotto, è la MVH500AH, ottima per chi non volesse spendere tanti soldi.

Se avete già una reflex questa potrebbe essere una testa definitiva che se trattata bene, vi accompagna per il resto della vita.

Manfrotto MKCOMPACTACN-BK / Manfrotto MKCOMPACTADV-BK

Il prossimo cavalletto è sempre della casata italiana Manfrotto della serie compact, ahimè con la testa non removibile quindi state attenti a comprarla perché non potrete rimuoverne la testa ed eventualmente sostituirla con qualcos’altro.

Però è una versione di cavalletto leggerissima ed ha un prezzo a portata di tutti.

Sono presenti due versioni, la prima con una testa semi fluida che si può proprio usare per fare movimenti semplici.

www.emanuelecarlisi.it - Top treppiedi fotografici - Manfrotto Compact

La seconda invece con la testa più fotografica, con due manopole per raddrizzare con precisione i vostri spostamenti.

E’ un cavalletto molto semplice, da viaggio perché davvero compatto e leggero. Utile soprattutto per i blogger o per chi lo usa maggiormente a casa, senza troppe pretese.

Io da anni uso la prima versione di questo cavalletto, e mi sono trovato bene fino a quando ho usato fotocamere più leggere, non professionali.

Scordatevi che possa tenere qualcosa oltre il kilo e mezzo con stabilità, perché una pecca risiede nel fatto che il push della leva di rotazione non blocca mai realmente la testa girevole.

E questo è un problema se ci mettete qualcosa di pesante perché abbatterebbe all’istante. Comunque, facendo un po’ di attenzione, il treppiedi è comodo e versatile.

Joby GorillaPod 3K

Passiamo adesso ad un cavalletto particolare, di quelli un po’ fuori dal normale, utilissimo per i travel blog o per chi ama sempre sperimentare nuove angolazioni di ripresa. Sto parlando del Gorillapod.

Sicuramente non tra i più economici, è un treppiede flessibile, non adatto per scatti studiati degni di professionisti ma rimane molto interessante per accompagnarti in un viaggio, scattare foto di gruppo o qualsiasi altro uso di questo tipo.

Vi consiglio di prestare attenzione al fatto che è principalmente in plastica e quindi è più soggetto a rotture accidentali.

Rimane comunque un cavalletto che può fare qualsiasi cosa perchè praticamente snodabile.

Le sue tre gambe sono costituite da coppie di sfere indipendenti che possono essere sistemate come si vuole e reggono un peso non indifferente.

www.emanuelecarlisi.it - Top treppiedi fotografici - Gorillapod

Le sfere permettono una grande versatilità ed il cavalletto con un po’ di pratica può essere appeso praticamente ovunque, anche ai pali della luce per strada.

Di questo cavalletto ne esistono diverse versioni ma quella che vi propongo nel link è la più costosa perché è la più stabile e affidabile.

E’ quella che regge di più e la consigliano anche per telecamere come la 5d della Canon o una 7s della Sony, o altre della stessa fascia di peso. Comoda naturalmente per fare timelapse in città con action camera come GoPro e affini.

Ci sono versioni più leggere e più economiche fatte per telecamere un po’ più leggere.

Consiglio di prenderla anche con la testa a sfera con livella perché fatta bene, è precisa e vi tornerà utile per fare scatti interessanti o cose più particolari.

L’unica pecca dolente, dato il prezzo non proprio economico, si sperava in una qualità leggermente superiore, magari un po’ di accuratezza e efficacia in più in certi dettagli.

A parte questo funziona davvero bene e riesce a sostituire tranquillamente alcuni cavalletti di fascia entry level.

Manfrotto MTPIXIEVO-RD

Vi segnalo un mini-pod che si può avere al posto del Gorillapod.

Il MTPIXIEVO-BK offre una soluzione rigida e quindi più robusta. E’ un po’ meno pratico da usare del precedente modello pur essendo più resistente.

www.emanuelecarlisi.it - Top treppiedi fotografici - Minipod

La sua rigidità consente inoltre di essere più stabile quando si passa a fotocamere più grandi e possiede una soluzione per catturare in posizione verticale che può essere molto pratica.

Svolge più o meno la stessa funzione, è piccolissimo e maneggevole, appartiene alla serie Manfrotto dei mini-pod da tavolo che sono comodi magari per chi vuole anche appenderci la action cam o per soluzioni alternative.

Manfrotto MKBFRTA4BK-BH Befree Advanced

Il prossimo treppiedi che vi mostro è sempre un Manfrotto che possiede un sistema di fissaggio Twist M-Lock, rapido e molto pratico.

Con un fissaggio a snodo sferico che consente di regolare l’angolo di inclinazione utilizza anche il sistema easy link presente su altri modelli del marchio.

Quest’ultimo vi consente di sfruttare un ulteriore attacco da 1/4 di pollice per un accessorio a vostra scelta che tuttavia ne abbassa il livello di carico massimo che diventa più limitato.

La piastra in dotazione è compatibile con gli attacchi delle teste standard più diffuse – Manfrotto e Arca-Swiss – che possono essere configurate facilmente e velocemente e inoltre possiede un attacco per smartphone.

Mefoto Globe Trotter

Progettato per essere utilizzato in quasi tutte le situazioni, questo treppiede ha molti vantaggi per garantire una qualità ottimale.

Un po’ come l’Andoer di inizio articolo, la regolazione dei livelli avviene tramite le giunzioni a vite, pratiche e veloci.

Nelle giornate di shooting all’aperto con vento molto forte, si aggiunge peso tramite il gancio in dotazione per resistere meglio alle circostanze che ne possono compromettere la stabilità.

Anche lui ha la particolarità di trasformarsi in monopiede e di installarci sopra una testa fluida anche se l’attacco da tre ottavi di pollice è un po’ insolito.

Ricordatevi sempre che la scelta del treppiedi è importantissima perché regge la vostra macchina fotografica che vi siete comprati a fatica, col sudore della vostra fronte.

E sono sicuro che non la vorreste affidare a qualcosa di poco stabile e sicuro, quindi fate molta attenzione al peso della vostra fotocamera e scegliete sempre in base alle vostre esigenze.

Con questo è tutto, amici. Spero come sempre di esservi stato utile con queste semplici informazioni.

Grazie e alla prossima!

Ti potrebbero interessare:
Fotocamere reflex: le migliori 5 del 2021
Le migliori fotocamere mirrorless – Guida all’acquisto
I migliori droni senza patentino del 2021


Condividi sui social!
Back to top